GUIDA PRATICA AL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO

11 / 100

La richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno può essere presentata presso la Questura della Provincia di domicilio o residenza entro 90 giorni dalla scadenza del permesso di soggiorno. L’amministrazione deve procedere al rinnovo entro il termini di 60 giorni, salvo che ricorrono gravi motivi.
L’art. 13 del D.Lvo 286/98, inoltre, rende presentare dell’istanza di rinnovo entro i 60 giorni successivi alla scadenza del permesso di soggiorno.

Il reddito necessario

La giurisprudenza ha precisato che le questure devono considerare la storia lavorativa dell’interessato e la prospettiva di lavoro futuro.
Non potrà essere fatta valere per il diniego la perdita del posto di lavoro avvenuta dopo la presentazione della domanda. Le conseguenze della lentezza dell’amministrazione non possono infatti essere fatte ricadere sull’interessato. Si possono ritenere utili al rinnovo del permesso di soggiorno anche i redditi da lavoro nero.
In tal caso le modalità del rinnovo, stante i lunghi tempi di attesa per l’accertamento da parte degli uffici competenti sono discrezionali e variano da Questura a Questura.

Nel valutare il rinnovo del permesso di soggiorno non potranno non essere tenuti in considerazione i redditi complessivi del nucleo familare.
La valutazione non potrà essere fatta considerando un semplice “cumulo” dei redditi ma dovrà tenere conto degli altri fattori di cui all’art 5 comma 5.
Appare in ogni caso controverso limitare tale possibilità di far valere il sostentamento da parte di un familiare solo alle categorie di familiari stabilite dall’art 29 così come considerare i redditi prodotti dai soli familiari conviventi.
L’obbligo di sostentamento così come riconosciuto dal nostro ordinamento, va ben oltre queste categorie.

I motivi ostativi al rinnovo

Al momento del rinnovo del permesso di soggiorno la Questura dovrà prendere in considerazione la sussistenza di eventuali reati ostativi al rinnovo del titolo.
E’ in ogni caso illegittimo il diniego qualora la Questura non abbia prodotto una valutazione sull’attualità e la concretezza dell’eventuale pericolosità sociale in caso di condanne c.d ostative e senza che sia stata tenuto in debito conto la situazione familiare, l’esistenza di legami con il paese d’origine, l’anzianità della presenza in Italia, in caso di titolari di permesso di soggiorno per lavoro subordinato che abbiano effettuato il ricongiungimento familiare.

I motivi ostativi al rinnovo:
- pericolosità per l’ordine pubblico e la sicurezza dello stato (anche x stati area Schengen)
- condanne, anche con sentenza non definitiva, per uno dei reati previsti dagli articoli 380 commi 1 e 2 del CPP, anche se la sentenza è stata emessa a seguito di patteggiamento, oppure per reati legati agli stupefacenti, la libertà sessuale, il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, la prostituzione, lo sfruttamento dei minori
- condanne definitive per la violazione delle norme sul diritto d’autore.

La riabilitazione ed estinzione del reato

Possono in ogni caso essere fatte valere l’intervenuta riabilitazione ai sensi dell’art. 178 del codice penale e l’estinzione del reato.
E’ possibile presentare istanza di riabilitazione quando siano decorsi almeno tre anni dal giorno in cui la pena principale sia stata eseguita o sia in altro modo estinta, e il condannato abbia dato prove effettive e costanti di buona condotta; il termine si allunga ad otto anni qualora sia stata contestata l’aggravante della recidiva o a dieci anni se il condannato sia stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza.
La riabilitazione può equipararsi all’automatica estinzione della condanna inflitta in sede di “patteggiamento” ai sensi dell’art. 445, c.2 c.p.p.
In questo caso l’automatica estinzione del reato avviene dopo 5 anni, quando sia stata irrogata una pena detentiva non superiore a due anni, sempre che nello stesso periodo il lavoratore non abbia commesso un delitto della stessa indole.

Il rinnovo del permesso per motivi di lavoro

Documenti necessari per il rinnovo:
[ Scarica la lista in formato .pdf ]

Oltre al Modulo 1 e 2 del Modello 209, nella busta ELI 2 occorre inserire anche:
- fotocopia delle pagine del passaporto riportanti i dati anagrafici, i timbri di rinnovo, i visti;
- fotocopia del permesso di soggiorno in scadenza;
- fotocopia del codice fiscale;
- fotocopia della certificazione di residenza o stato di famiglia o della dichiarazione di ospitalità o contratto di affitto relativi all’alloggio di domicilio;
- fotocopia del Mod Unificato lav inviato dal datore di lavoro all’Inps o del Modello Q in caso di lavoro domestico;
- fotocopia della documentazione attestante la disponibilità di un reddito da lavoro o da altra fonte lecita: Cud, Unico, ultima dichiarazione dei redditi, buste paga relative al periodo di assunzione.

- nel caso di lavoro domestico, oltre alla documentazione di cui sopra: fotocopie dei versamenti dei contributi previdenziali all’INPS

La valutazione sulla capacità reddituale sufficiente al sostentamento NON PUO’ ESSERE AUTOMATICAMENTE RIFERITA all’importo dell’assegno sociale INPS ma deve tener conto delle prospettive future di reddito e della situazione reddituale pregressa.

Nel caso di familiari a carico sarà necessario dimostrare un reddito in grado di garantire il loro sostentamento.

Saranno necessari:
- marca da bollo da euro 16,00;
- ricevuta del versamento di euro 30,46 per il rilascio dei titoli di soggiorno in formato elettronico;
- pagamento di euro 30,00 allo sportello postale per le spese di spedizione.
- il pagamento del contributo è stato ripristinato: clicca qui per gli importi (in precedenza cancellato dal TAR del Lazio, con sentenza n. 06095/2016 del 24 maggio.

Il rinnovo del permesso per motivi familiari

Come e dove si presenta la domanda di rinnovo:
La domanda di rinnovo del pds per motivi di famiglia è presentata attraverso la compilazione del Kit postale da inoltrare con apposita busta attraverso gli Sportelli Postali abilitati al Centro Servizi Amministrativi di Roma.
Rinnovo pds – Ecco cosa fare e dove andare per procedura postale

Documenti necessari per il rinnovo:
[ Scarica la lista in formato .pdf ]

Oltre al Modulo 1 del Modello 209 (Modulo 2 se in possesso di reddito proprio), nella busta ELI 2 occorre inserire anche:
- fotocopia delle pagine del passaporto riportanti i dati anagrafici, i timbri di rinnovo, i visti;
- fotocopia del permesso di soggiorno in scadenza;
- Copia del passaporto del familiare (pagine con dati anagrafici);
- Copia del titolo di soggiorno del familiare;
- fotocopia del codice fiscale del richiedente e del familiare;
- dichiarazione del familiare che provvede al sostentamento dell’interessato attraverso la compilazione dell’atto di notorietà di mantenimento ( [scarica fax-simile allegato]

Con la ricevuta di rinnovo del permesso di soggiorno lo straniero gode dei diritti del soggiorno ed in particolare:
- dovrà esibire la ricevuta come prova della regolarità del soggiorno;
- potrà utilizzare i codici per controllare lo stato di avanzamento della pratica su www.portaleimmigrazione.it;
- potrà richiedere l’iscrizione anagrafica (esibendo anche il visto di ingresso in caso di primo rilascio);
- potrà stipulare un contratto di assunzione;
- potrà stipulare un contratto di alloggio o qualsiasi altro contratto;
- potrà iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale (esibendo anche il visto di ingresso in caso di primo rilascio);
- potrà uscire e rientrare dal territorio nazionale a determinate condizioni (consulta la scheda pratica)

Il rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di famiglia è subordinato alla verifica dell’esistenza di risorse economiche sufficienti in capo all’interessato o al familiare ma:
- Ai fini del calcolo del reddito si tiene conto del reddito complessivo del nucleo familiare;

- Nell’adottare il provvedimento di rifiuto del rilascio, di revoca, o di diniego di rinnovo del permesso di soggiorno dello straniero che ha esercitato il diritto al ricongiungimento familiare ovvero del familiare ricongiunto, si tiene anche conto della natura e della effettività dei vincoli familiari dell’interessato e dell’esistenza di legami familiari e sociali con il suo Paese d’origine, nonché, per lo straniero già presente sul territorio nazionale, anche della durata del suo soggiorno nel medesimo territorio nazionale

Questa ultima disposizione, introdotta nel nostro ordinamento a seguito del D.Lgs. n.5 dell’8 gennaio 2007 (in recepimento della Direttiva 86/2003/CE), imponendo una valutazione attenta della situazione dello straniero richiedente, inibisce la possibilità di emettere automaticamente provvedimenti di diniego del permesso di soggiorno per motivi familiari in virtù della mancanza di reddito sufficiente così come determinato dall’articolo 29, comma 3, lettera b).

In ogni caso il provvedimento di diniego del rinnovo del permesso di soggiorno dovrà essere adeguatamente motivato.

Saranno necessari:
- marca da bollo da euro 16,00;
- ricevuta del versamento di euro 30,46 per il rilascio dei titoli di soggiorno in formato elettronico;
- pagamento di euro 30,00 allo sportello postale per le spese di spedizione.
- il pagamento del contributo previsto dall’art 5, comma 2 ter, del TU è stato cancellato dal TAR del Lazio, con sentenza n. 06095/2016 del 24 maggio (clicca qui per maggiori informazioni)

- Vedi anche: La tassa sul permesso di soggiorno è definitivamente tolta

Permesso di soggiorno individuale per minori stranieri anche sotto i 14 anni

Con la Legge n. 122 del 7 luglio 2016 si prevede il rilascio di un permesso di soggiorno autonomo ai minori stranieri, anche prima del quattordicesimo anno di età.

Il minore fino al quattordicesimo anno di età non dovrà dunque essere iscritto nel permesso di soggiorno o nella carta di soggiorno di uno o di entrambi i genitori.

Si ricorda che il minore convivente e regolarmente soggiornante segue la condizione giuridica del genitore con il quale convive ovvero la più favorevole tra quelle dei genitori con cui convive.

Per effetto delle nuove norme, deve essere pagato il bollettino di euro 30,46 per ogni figlio da “zero” a 14 anni.

Per i minori che hanno compiuto 14 anni l’importo è uguale ai maggiorenni (30,46 costo del tesserino + 30 euro per il servizio postale + 16 euro come imposta di bollo).

Dal sito www.portaleimmigrazione.it
Ecco i fac simile dei moduli postali, in versione stampabile
[ Modulo 1 ] – [ Modulo 2 ]

Cosa fare per richiedere il Permesso/Carta di Soggiorno

In virtù della convenzione stipulata tra il Ministero dell’Interno e Poste Italiane SPA, ai sensi dell’art. 39, comma 4 bis della Legge 16 gennaio 2003, n. 3 , come modificato dall’art. 1 quinquies, della Legge 12 novembre 2004, n.271, le istanze di permesso e carta di soggiorno dovranno essere presentate dall’interessato presso gli Uffici Postali abilitati utilizzando l’apposito kit disponibile presso tutti gli uffici postali, i Patronati ed i Comuni abilitati.

Possono esser presentate presso gli Uffici Postali le richieste inerenti alle sotto riportate tipologie di permessi-carte di soggiorno:

* Adozione
* Affidamento
* Aggiornamento della carta di soggiorno
* Aggiornamento permesso di soggiorno (cambio domicilio, stato civile, inserimento figli, cambio passaporto)
* Attesa occupazione
* Attesa riacquisto cittadinanza
* Asilo politico rinnovo
* Carta di soggiorno per stranieri
* Conversione permesso di soggiorno
* Duplicato della carta di soggiorno
* Duplicato Permesso di soggiorno
* Famiglia
* Famiglia minore 14-18 anni
*Rinnovo Famiglia art. 19
* Lavoro Autonomo
* Lavoro Subordinato
* Lavoro casi particolari previsti
* Lavoro subordinato-stagionale
* Missione
* Motivi Religiosi
* Residenza elettiva
* Ricerca scientifica
* Status apolide rinnovo
* Studio
* Tirocinio formazione professionale

Le istanze di richiesta di rilascio e rinnovo di tutte le altre tipologie di permesso-carta di soggiorno continueranno ad essere presentate presso gli Uffici Immigrazione delle Questure, competenti territorialmente.

Per la compilazione della modulistica lo straniero può farsi assistere, a titolo gratuito, da un Patronato della sua zona o da un Comune abilitato.
- Trova il patronato più vicino a te

Il diniego

Il diniego del rinnovo ha diverse fasi procedurali.
Eventuali irregolarità amministrative sanabili, i meri errori materiali, non potranno essere motivo di diniego della richiesta.

Sarà prevista la possibilità, per l’interessato, di integrare la pratica presentata inizialmente sia con documenti mancanti, sia con nuovi documenti che attestano situazioni nel frattempo sopraggiunte.
In questo caso avviene spesso che la Questura, alla data della convocazione, nel caso di errori o mancanza di documenti, assegni all’interessato una nuova data in cui esibire i documenti corretti e completi.
Questa previsione è molto importante perché da un lato riguarda appunto la mera mancanza o non correttezza dei documenti, ma dall’altro fa riferimento ad una norma molto importante (dal nostro punto di vista) del testo unico. Si tratta dell’articolo 5 comma 5, che prevede che “il pds o il suo rinnovo sono rifiutati quando mancano o vengono a mancare i requisiti previsti per l’ingresso ed il soggiorno …sempre che non siano sopraggiunti nuovi elementi che ne consentano il rilascio.”
Ciò significa che in caso di presentazione dell’istanza in mancanza dei requisiti previsti (per esempio il lavoro) sarà sempre possibile per lo straniero far valere un nuovo contratto di lavoro sottoscritto prima che venga emesso un provvedimento di diniego. Cioè mentre si è ancora in fase istruttoria.
Se è possibile usufruire di questa possibilità in senso favorevole, fortunatamente non è possibile il contrario. Non potrà cioè essere fatta valere per il diniego del pds la perdita del posto di lavoro avvenuta dopo la presentazione della domanda. Le conseguenze della lentezza dell’amministrazione non possono infatti essere fatte ricadere sull’interessato. Ma questa previsione è frutto di una pronuncia della giurisprudenza chiamata a decidere sulla durata del pds di uno straniero in possesso comunque di un contratto. Sembra più rischioso far riferimento a questa possibilità come qualcosa di generalmente valido.
In primo luogo dovrà essere consegnato all’interessato il preavviso di rigetto dell’istanza. Il provvedimento dovrà riportare, oltre ai dati identificativi della pratica, anche le motivazioni per cui è stata attivata la procedura di rigetto.
L’interessato avrà quindi 10 giorni di tempo ai sensi dell’articolo 10bis della legge 241 (sul procedimento amministrativo), per produrre una memoria, ovviamente scritta, in cui tentare di proporre le nostre motivazioni o molto più spesso di contestare la scelta della questura documentandola adeguatamente.
La questura quindi potrà accogliere o non accogliere le argomentazioni proposte con la memoria proposta.
In ogni caso (la memoria può arrivare dopo) se la Questura non avesse già adottato il provvedimento di rigetto e la documentazione fosse integrata anche oltre i 10 giorni dovrà comunque prenderla in considerazione.
In caso di rigetto dell’istanza lo straniero verrà “invitato” ad allontanarsi dal territorio nazionale entro 15 giorni.
Contro il diniego di rilascio o di rinnovo del titolo di soggiorno si può agire in ricorso presso il tribunale amministrativo competente entro 60 giorni ad eccezione dei ricorsi che riguardano il diritto all’unità familiare che invece potranno essere proposti presso il Tribunale ordinario.
Lo straniero sarà comunque inespellibile fino a quando non trascorrano i 60 giorni.
Trascorsi i 60 giorni sarà importante richiedere al giudice la sospensione dell’eventuale provvedimento di espulsione adottato

Il diniego del permesso di soggiorno da parte della Questura dovrà comunque essere adeguatamente motivato, la situazione dell’interessato dovrà essere presa in considerazione nell’attualità, e non potrà essere astrattamente ricondotta al contesto legislativo bensì precisamente collocata nelle previsioni di legge.

Nelle more del rinnovo

In attesa del permesso di soggiorno, con la sola ricevuta, lo straniero può comunque:
- controllare lo stato della sua pratica attraverso il sito della Questura
- iscriversi all’anagrafe;
- iscriversi al SSN;
- stipulare contratti di affitto;
- effettuare ogni operazione con la sola limitazione dell’uscita e del reingresso nel territorio che può avvenire solamente senza il transito per i paesi dell’area Schengen.
A norma di legge in fase di rinnovo lo straniero può esercitare attività lavorativa a parità di condizioni dello straniero titolare di pds valido.

Fonte: meeltingpot.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

MIGRANTI. TRAGEDIA AL LARGO DELLE CANARIE

Ven Apr 30 , 2021
11 / 100 Powered by Rank Math SEO Venerdì 30 Aprile 2021, al largo delle Canarie, si è verificata una nuova tragedia, con la morte di 24 migranti. Solo tre i sopravvissuti Una barca di legno trovata alla deriva con 24 migranti morti a bordo è stata rimorchiata al porto […]
tragedia migranti canarie

Potrebbe interessarti